Quel gioco strano…

Ξ febbraio 28th, 2019 | → 0 Comments | ∇ Qualche sorriso |

Quel giorno lo ricordo, eravamo io e Giank, Gian vento, ma perché “vento” che, magna pesante?

Comunque bando alle mance.

Stavamo passeggiando e lui come sempre stava fumato che sembrava uscito dal set di Walking Thé (così me piace de piu), stava a farneticà e nun stava zitto me stave a venì voia de famme un cannone pur’io

Mi raccontava dell’ennesima patonza borderline che aveva conosciuto e poverino lo capisco, cià un sacco de problemi, comunque lasciamo sta, mi diceva che c’aveva passato la notte insieme, l’aveva pagata, c’era andato in prigione, aveva corso sui binari, avevano incontrato degli imprevisti, poi mi parlò di una casa e di quando con lei andò in albergo, poi uscì di prigione poi mi disse che arrivarono a un parco, e per lui era una vittoria, gli diede un anello e lei poi andò via, ma che stava a di non lo so, ma poi capii: “A fumato, ma che cacchio ce sta in quella canna, nun te la stavi a fa, ce stavi a giocà a MONOPOLI, ma che te sei fumato le probabilità”.

 

Leave a reply


  • Archivi