Ξ aprile 10th, 2019 | → 0 Comments | ∇ Le mie poesie |

 

Parola del giorno…5…

Ξ aprile 10th, 2019 | → 0 Comments | ∇ Le mie poesie |

Fissile: Quella sera mi trovai a uscire con lei, bella come scolpita in una carezza, con quei capelli neri che sembravano la parrucca della notte, due occhi verdi come dei noccioli di oliva dentro l’acqua torbida e un corpo che sembrava il tracciato di Imola.

Andammo a mangiare in una trattoria, volevo fare il romantico, la portai in un localino, dove erano solite andare le coppiette del paese: “Lo zozzone”, quella sera ero eccitato come un Bonobo.

Ricordo che lei mi parlava di tante cose, faceva discorsi pregni, avevo le balle ferite ma quella sera me l’avrebbe data, e avrei resistito a tutto poteva anche parlarmi, dei problemi economici dell’industria manifatturiera del Ghana.

Era un fissile ma almeno quella sera la amavo come non l’avevo mai amata, ma poi ci fu il dramma, una scena raccapricciante, quando poi la accompagnai a casa, mi disse che le faceva male la testa e voleva andare a dormire.

Erano anni che non sentivo così dolore, non soffrii tanto neanche quando Selen smise di rendermi felice e si ritirò dalle scene.

Anche stasera mi vedrò con Palmina: cinque contro uno, è un fissile ma come disse Woody Allen: “Faccio sesso con uno che stimo”.

 

Ξ aprile 10th, 2019 | → 0 Comments | ∇ Qualche sorriso, Video |

 

  • Archivi