Rivoluzione a chiacchiere…

Ξ 27 Maggio, 2016 | → 0 Comments | ∇ Pensieri |

Invece di ammirare le rivoluzioni degli altri chissà quando accenderemo nel nostro cuore la scitilla della ribellione. Scintilla che il popolo italiano ha sempre avuto e che ora si accende non per far valere i propri diritti ma quelli di un calciatore o il diritto che ha la TV a far vedere cazzate. Io ho fatto 32 videodenunce, bloccato un pulman intervenuto ad alcune conferenze politiche disturbando la Bindi, la Sorge a San Benedetto del Tronto, Perzzoli alla stazione.
Ma non si aiuta nelle sue lotte un disabile, diversamente abile, persona svantaggiata, tutto tranne il suo nome.
La colpa era mia mi mancava qualcosa?
Non dico l’uso delle gambe passerei per vittima e non lo farei mai.
Non lamentatevi di niente, se siamo così è anche e soprattutto colpa nostra.
Agite senza lamentarvi perché lamentarsi è un ottimo modo per spegnere il cervello.
(Comunque io sono contro “L’unità d’Italia”, i Savoia erano degli assassini schifosi e la ricchezza d’Italia dopo “L’unità d’Italia” proveniva per il 70% dal regno dei Borboni quindi inutile paralarne. Garibaldi era un bugiardo e un mercenario no un eroe italiano. La storia la fanno le bugie dei vincitori, basta vedere cosa a scuola ti insegnano: li chiamano “briganti” no “patrioti”, come meritano di essere chiamati).

 

  • Archivi